Chi siamo

cartolinaIl perchè di una Profumeria-Coltelleria

Nel 1897 Pietro Viano, nato a Frise, frazione di San Pietro di Monterosso, in Val Grana, mentre tutti i suoi fratelli emigravano in Francia, decise di non lasciare la sua patria ed avviò un negozio-laboratorio da coltellinaio a Cuneo in via Nizza (oggi via Roma). Il fondatore trasferì l’attività dapprima in via Savigliano e poi nell’attuale sede, oggi piazza Galimberti n°2, allora piazza Vittorio Emanuele. Tra gli eventi salienti di questi anni si annovera la partecipazione nel 1909 all’Esposizione delle Industrie ed Invenzioni Moderne con un particolare tipo di coltello multiuso progettato e realizzato dal titolare dell’azienda. Pietro Viano morì a 37 anni lasciando la giovane moglie ed i figli Luigi e Teresa. L’attività proseguì con la ragione sociale “Vedova Viano”. Nel 1922, in seguito alla scomparsa prematura della titolare, la ditta cambiò nuovamente denominazione in “Eredi Vedova Viano”. E’ nel 1928 che la licenza venne intestata al figlio Luigi Viano, titolare dell’azienda fino al 1984, anno in cui si formò la società in nome collettivo “Coltelleria Profumeria Viano Luigi E C. SNC” con la moglie Paola Viglietti e la figlia Margherita. Alla morte di Luigi Viano l’attività venne portata avanti dalla moglie e dalla figlia fino al 2006 quando Paola Viglietti Viano cedette la sua quota societaria alla nipote SaraViano. L’ultimo acquisto dell’azienda è Piero Lunati, figlio di Margherita che fa parte della società in nome collettivo con la madre e la cugina dal novembre 2010. Come si può osservare, la ditta è stata sempre gestita dalla stessa famiglia per un arco di tempo lungo 4 generazioni e dal 1903 mantiene la stessa sede.  Per adattarsi ai tempi, alle mutate esigenze dei clienti e del mercato, l’attività ha invece conosciuto importanti cambiamenti. Iniziata con caratteristiche quasi artigianali, l’attività ha avuto il merito di introdurre nella città di Cuneo innovazioni come il rasoio elettrico o la macchina per la pasta.

 

esternoPer richiamare l’attenzione del pubblico degli anni ’30 su prodotti come questi, il martedì, giorno di mercato, veniva allestito anche un banchetto. L’affiancamento della profumeria si spiega con lo sviluppo dei prodotti per la rasatura , seguiti dalle colonie, da saponi e dentifrici. Proprio un dentifricio rese famosa l’azienda tra gli addetti ai lavori: la quantità di prodotto che Luigi Viano acquistò per venderla a buon prezzo agli spacci delle tante caserme allora stanziate a Cuneo era infatti eccezionale. I due settori dell’attività proseguirono parallelamente fino al 1967 quando, con l’ampliamento dei locali, crebbe una profumeria vera e propria con case cosmetiche in concessione. Nel frattempo il figlio di Luigi, Pietro Viano,   aveva avviato un attività di commercio all’ingrosso che condusse poi alla creazione di un’azienda autonoma. Attualmente, la 4^ generazione dei Viano, sta portando avanti un processo di specializzazione nella coltelleria di alto livello e nelle profumeria così detta “di nicchia”, espressione con cui si intende il reperimento, attraverso una ricerca attenta, di prodotti di rara qualità.